Pubblico in delirio per il ritorno di Bruce Springsteen a Roma (VIDEO)

Bruce Springsteen (Foto Gregory Shamus/Getty Images)

E’ durato tre ore e mezzo il concerto che ha consacrato il ritorno di Bruce Springsteen a Roma; ieri sera il Boss, accompagnato dalla storica E-Street Band ha tenuto incollati con gli occhi sul palco dell’Autodromo delle Capannelle 35mila persone in delirio giunte da tutta Italia per ascoltare un mito inossidabile del rock mondiale, capace a 63 anni di stare sul palco come se questo fosse davvero il suo habitat naturale.

Erano quattro anni che il Boss mancava da Roma ed era una vita che le Capannelle non invase da così tanta gente; l’ultimo a riempirle era stato Neil Young, che peraltro ci tornerà quest’anno, il prossimo 26 luglio, per una delle ultime date del festival ‘Rock in Rome’. Sorprendente la scaletta, come ogni volta che Springsteen si esibisce dal vivo. Leggenda vuole che la prepari e la consegni alla sua band all’ultimo momento.

A sorpresa, forse ‘pressato’ dai 60mila fans milanesi che un mese fa l’avevano richiesta anche innalzando uno striscione, il Boss ha eseguito un pezzo che non canta quasi mai dal vivo, ‘New York City Serenade’. Chiusura col botto con un classico, Thunder road, e un omaggio in acustico ai grandi del rock’n roll, da Chuck Berry a Patti Smith.

Negli scorsi giorni, intanto, Springsteen ha annunciato l’intenzione di voler lavorare a un nuovo album in studio: “Bisogna staccare un po’ l’attività dal vivo, perché a questi livelli di intensità… c’è bisogno di interrompere. Ma questo è stato un periodo incredibilmente appagante per me e per il gruppo: questi ultimi sono i migliori dieci, dodici anni migliori che abbia mai avuto”.

Redazione online

New York City Serenade eseguita live ieri a Roma