Sondaggio elettorale: il Pd vola al 32%, Alfano meglio di Berlusconi

Il logo del Partito Democratico (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

Il Partito Democratico si riporta ai livelli di un anno fa, mentre la nuova Forza Italia affonda: si potrebbero riassumere così i risultati di un sondaggio commissionato dal quotidiano ‘La Repubblica’ all’istituto Demos. Infatti, secondo queste rilevazioni rese note oggi, il Pd sale oltre il 32%, 4 punti più del mese scorso, mentre il Pdl/Forza Italia crolla al 20%, perdendo 6 punti percentuali e finendo per essere surclassato dal Movimento 5 Stelle, che si mantiene stabile, poco sotto il 21%.

Tra gli altri partiti dell’arco parlamentare, avanzano la Lega Nord, al 4,5%, Scelta Civica, al 4,1%, e l’Udc, al 3,3%, resta stabile Fratelli d’Italia, poco sopra il 2%, mentre scende sotto la soglia del 4% Sinistra Ecologia e Libertà. Nella classifica di gradimento dei leader politici, Enrico Letta è in testa con il 56,9%, seguito da Matteo Renzi, Emma Bonino e dai due segretari dei maggiori partiti, Angelino Alfano e Guglielmo Epifani. In particolare, sorprende come il segretario Pdl sia al 36,1% del gradimento, contro Silvio Berlusconi sempre più fanalino di coda e doppiato al 17,6%, preceduto anche da Roberto Maroni e Beppe Grillo, che in pratica piace soltanto ai suoi fedelissimi elettori.

Di tutt’altro tenore il sondaggio reso noto da Euromedia Research per la trasmission ‘Virus-Il contagio delle idee’. In questo caso, il Pdl/Forza Italia è dato al 25-27%, mentre il Pd sarebbe al 24-26%, seguito dal Movimento 5 Stelle al 21-23%. C’è infine il recente sondaggio iXè per la trasmissione di Raitre ‘Agorà’: in questo caso, il Partito Democratico sarebbe al 28,5%, il Movimento 5 Stelle al 24,1% e il Pdl/Forza Italia al 22,7%. Il vantaggio della coalizione di centrosinistra è di circa 3 punti percentuali rispetto a quella di centrodestra.

Redazione online