Serbia: funerali di Stato per Jovanka Broz, vedova del maresciallo Tito

La folla commossa ai funerali di Jovanka Broz (ANDREJ ISAKOVIC/AFP/Getty Images)

Aveva deciso di ritirarsi dalla vita pubblica nel 1980, subito dopo la morte del marito e compagno di tante battaglie, il maresciallo Tito, ma oggi – con la sua morte – la figura della partigiana Jovanka Broz torna a essere ricordata dalla Serbia, che ha deciso di celebrare i funerali di Stato, rendendo così omaggio a una delle palabine della lotta di Liberazione nel Paese balcanico.

Ai funerali, svoltisi nella mattinata di oggi, erano presenti membri del governo serbo, diplomatici e delegazioni straniere, oltre a picchetti d’onore formati da soldati della Guardia dell’Esercito, insieme a ex partigiani della Sesta Divisione di Lika. Tanta la gente comune – in gran parte anziani – accorsa per dare l’ultimo saluto alla partigiana e moglie di Tito, ormai ultimo baluardo e simbolo della Jugoslavia comunista, scomparsa qualche giorno fa, a 88 anni.

Le esequie sono state celebrate alla Casa dei Fiori, il Mausoleo sulla collina di Dedinje dove è sepolto Josip Broz Tito. Per sua espressa volontà, infatti, Jovanka Broz è stata sepolta affianco al marito. Ad accompagnare il pietoso rito della sepoltura, il brano partigiano della tradizione italiana “Bella Ciao”, molto amato dalla donna.

Redazione online