Exploit di Car2go a Milano, presto esportato in altre città italiane

Il car sharing Car2go (Chip Somodevilla/Getty Images)

Numeri da record a Milano per Car2go, il modello di car sharing promosso da Mercedes e che nel capoluogo meneghino ha costretto l’azienda ad aumentare il parco auto, composto da Smart fortwo, di 150 unità, portandole a seicento. Inoltre, gli iscritti alla formula di condivisione delle auto sono già 50mila con 100mila auto noleggiate dall’avvio dell’attività, avvenuto poco più di due mesi fa.

Entusiasta si è detto Thomas Beermann, CEO di Car2Go Europe: “Avevamo ipotizzato di raggiungere a fine anno per il servizio a Milano 15.000 iscritti e siamo a quota 50.000. Avevamo fissato un obiettivo di 400mila euro fatturati dal lancio a dicembre, e viaggiamo a 400mila euro di fatturato al mese. Un vero successo, che ha collocato Milano la scorsa settimana al top delle 24 città mondiali in cui operiamo per noleggi tre le 8 del mattino e le 20”.

Il successo del car sharing a Milano, che ha fatto si che il modello sia presto esportato a Roma, poi a Firenze e Bologna, infine a Genova, è dovuto ai bassi consumi delle auto “condivise”, peraltro eco-friendly. Inoltre, importante è stato l’intervento dell’amministrazione comunale, che concede agevolazioni per chi usufruisce del car sharing, come l’ingresso senza ticket nell’Area C e la sosta libera nelle zone gialle e nelle zone blue. Ora il caso milanese ha entusiasmato Mercedes, tant’è che l’esempio meneghino verrà considerato un punto di riferimento per l’intero mercato europeo del car sharing.

Redazione online