Bondi: gli afaniani “teste di rapa” non andranno oltre i 4%

Sandro Bondi (Getty Images)

Il fedelissimo di Silvio Berlusconi ed ex ministro alla Cultura, Sandro Bondi, è critico nei confronti del nuovo progetto politico guidato da Angelino Alfano e denominato Nuovo Centrodestra. Nel corso dell’intervista rilasciata oggi pomeriggio a Lucia Annunziata per il programma televisivo di Rei Tre “In mezz’ora”, Bondi ha definito i dissidenti “teste di rapa” che si sono allontanati dal Cavaliere mentre questi si trova in un momento di difficoltà. “Non c’è nulla di nobile in quello che è successo, è stato qualcosa di cinico, hanno abbandonato Berlusconi nel suo momento più difficile”, ha affermato il politico.

Nonostante il gruppo che ha rilanciato il partito di Forza Italia non chiederà ai ministri dell’ormai superato Pdl di dimettersi dal loro incarico governativo, è alto il livello di risentimento dei lealisti. Bondi ha fatto sapere che, secondo i suoi calcoli, non ci si dovrà attendere un successo elettorale per il neonato gruppo di Nuovo Centrodestra. “Se i risultati di Schifani e Alfano sono quelli che hanno raggiunto in Sicilia, difficilmente arriveranno al 4%”, ha affermato.

Redazione online