Schumacher: nuovi particolari sull’incidente

 

Michael Schumacher (Getty Images)

 

Sabine Kehm, portavoce di Michael Schumacher, ha voluto smentire le tante voci che circolavano sull’incidente capitato all’ex pilota di Formula 1: “Non è vero che Michael andava troppo forte, si era appena fermato per aiutare un amico che era scivolato, poi è ripartito. Non ero presente, ma parlando con le persone coinvolte, è apparso chiaro che Michael ha affrontato quel passaggio a velocità moderata, ma una roccia nascosta l’ha catapultato verso l’alto, ha perso l’equilibrio ed ha sbattuto la testa”.

 
Le prime indiescrizioni parlavano di una velocità molto sostenuta da parte di Schumacher, che poi avrebbe perso il controllo degli sci, versione ora decisamente smentita dalla Kehm.

 
Continuano intanto le dimostrazioni d’affetto verso il campione tedesco, che ha ricevuto la visita di Jean Todt, oltre ai tanti messaggi pervenuti dal mondo dello sport.

Marco Galluzzi