O.J. Simpson chiede la grazia ad Obama: “Ho un tumore”

O.J. Simpson (Photo by Ethan Miller/Getty Images)

 

O.J. Simpson, ex star del football americano e controverso personaggio pubblico, si trova nel carcere di Lovelock, in Nevada, dal 2008. Sta scontando una pena di 33 anni per rapina a mano armata e sequestro di persona, ma potrà chiedere la libertà sulla parola solamente tra quattro anni.

Tempo forse insufficiente, per lui, che ha supplicato Obama di concedergli la grazia: “Signor Presidente, la mia vita sta per finire, non mi lasci morire in carcere”.

Secondo quanto riferiscono le fonti interne al Lovelock Correctional Center l’ex atleta dei San Francisco 49ers, che ora ha 66 anni, sarebbe gravemente malato e presenterebbe i sintomi tipici di un tumore al cervello: forti emicranie, stati confusionali ed amnesie. A breve Simpson sarà sottoposto ad una risonanza magnetica per verificare la correttezza della diagnosi, ma i peggioramenti del diabete riscontrati di recente, che gli hanno causato una diminuzione di vista, udito e un principio di balbuzie, non lasciano ben sperare sull’esito delle analisi.

 

Redazione