Attentato Palazzo Chigi: il brigadiere Giangrande ricoverato in rianimazione

I soccorsi a Giangrande (SIMONA GRANATI/AFP/Getty Images)

Il brigadiere dei carabinieri Giuseppe Giangrande, che lo scorso aprile era stato ferito a colpi di arma da fuoco davanti a Palazzo Chigi, è ricoverato da alcuni giorni nel reparto di rianimazione dell’ospedale Santo Stefano di Prato. L’uomo, che era tornato a casa per le feste di Natale, soffre di un’insufficienza polmonare che ha obbligato i medici a praticargli una tracheotomia. Giangrande era stato ricoverato per mesi, prima a Roma poi in un’ospedale di Imola, a seguito della sparatoria di cui era stato vittima.

La mattina di domenica 28 aprile 2013, nel giorno in cui il governo Letta stava giurando al Quirinale davanti al Presidente della Repubblica, un uomo, Luigi Preiti, si avvicinò ai carabinieri che presidiavano la piazza di Palazzo Chigi e sparò alcuni colpi di pistola che investirono il brigadiere Giangrande, unica vittima di quello che pare dovesse essere un attentato contro gli esponenti del nuovo governo.

Redazione