Nuovo intervento di Grillo contro Renzi: “Tu parli, noi abbiamo fatto”

"Tu scappi, noi facciamo" fotomontaggio pubblicato sul blog di Beppe Grillo (screen shot sito web www.beppegrillo.it/)

In attesa della conferenza stampa di Beppe Grillo che si svolgerà domani, 23 gennaio alle ore 10.30, nella sede dell’Associazione della stampa estera a Roma, sul suo blog il leader del Movimento Cinque Stelle, ha pubblicato un intervento, intitolato “Tu scappi, noi facciamo”, accompagnato da un fotomontaggio della locandina del film “Tre uomini in fuga” con Matteo Renzi, Stefano Fassina e Gianni Cuperlo, come protagonisti.

Nel suo intervento, Grillo si dimostra molto irritato dall’atteggiamento aggressivo ostentato nei continui attacchi contro il MS5 del segretario del Partito Democratico e ha proposto un riepilogo delle azione mosse dal suo partito alle Camere, sottolineando invece il comportamento contraddittorio del Pd: “Il loro Primo Amore di Arcore” quelli del Pd “non lo possono scordare, da lui hanno preso esempio fino a clonarlo in casa. Chi scappa? Chi non rispetta i referendum? Chi disattende il programma con cui si è presentato ai cittadini? Chi non prende neppure in esame le leggi di iniziativa popolare? Chi fotte prima Rodotà e poi Prodi grazie al voto segreto? Se i parlamentari del PDexmenoelle avessero votato alla luce del sole, ammesso che ne avessero avuto il coraggio, sarebbero stati cacciati a calci nel culo dal Parlamento dai loro elettori”

“Il M5S ha il difetto della coerenza, gravissimo in un Paese in cui la madre dei quaqquaraquà e dei bulli di provincia è sempre incinta”, esordisce Grillo nel suo intervento in cui sottolnea che “il M5S ha detto che avrebbe rinunciato ai rimborsi elettorali. Lo ha fatto. Ha lasciato allo Stato, quindi ai cittadini italiani, 42 milioni di euro. Il M5S ha detto che i suoi parlamentari si sarebbero ridotti lo stipendio. Lo ha fatto. I parlamentari portavoce si sono ridotti lo stipendio per più della metà e hanno versato ad oggi due milioni e mezzo di euro in un fondo per l’aiuto alle piccole e medie imprese. Il M5S era contrario all’acquisto dei cacciabombardieri F35. Ha votato contro, i partiti invece a favore, compresi voltagabbana del PDexmenoelle”.

Insomma, Grillo non accetta le critiche alle quali risponde ostentando i fatti: “Il M5S voleva la decadenza del Porcellum. Ha votato lo scorso maggio la mozione Giachetti del PDexmenoelle, unico in Parlamento. Il M5S ha proposto la sfiducia per la Cancellieri. Ha votato per la decadenza della Cancellieri, i partiti hanno votato per mantenerla sulla sua poltrona, in particolare il PDexmenoelle. Questo elenco potrebbe andare avanti per giorni”, prosegue il leader pentastellato.

“Noi facciamo i fatti, manteniamo le promesse, gli altri fanno solo pugnette, in particolare i segretari del PDexmenoelle che cambiano ad ogni stagione, ma in realtà non cambiano mai”, ribadisce Grillo, evidentemente inasprito, sostenendo che “senza le televisioni che li dipingono come statisti, li intervistano, gli leccano il culo dalla mattina alla sera coloro che ci accusano di scappare sarebbero cancellati dalla memoria nel giro di una settimana”.

Insomma il movimento cinque stelle non ha nulla da rimproverarsi e anzi, “il M5S ha un altro grande difetto. In Parlamento lavora, si informa, propone leggi per migliorare l’Italia”.

Tanto che scrive Grillo: “Solo per la PMI, Il M5S ha presentato proposte per l’abolizione dell’IRAP (bocciata!), la sospensione dell’IMU per gli immobili strumentali (bocciata), la sospensione delle cartelle Equitalia per le aziende con debiti con le PMI (sospeso), contro la contraffazione on line nel settore alimentare (in discussione). Decine di proposte di legge, centinaia di emendamenti e mozioni e di denunce come è avvenuto per le pensioni d’oro e per la legge Salva Roma”.

“Tu parli, noi abbiamo fatto e faremo”, ha poi concluso Grillo lanciando una sfida al nuovo leader del Pd.

Redazione