Matteo Renzi: “Occorre che nasca l’Europa dei cittadini e delle speranze”

Matteo Renzi (Franco Origlia/Getty Images)
Matteo Renzi (Franco Origlia/Getty Images)

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi sta partecipando oggi a Montecitorio a una conferenza internazionale sull’Europa, alla quale erano presenti anche i presidenti di Camera e Senato, Laura Boldrini e Pietro Grasso, oltre a Romano Prodi e al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Ha ammonito il premier: “L’Europa sia un’Europa dei cittadini, delle speranze, non solo dei vincoli. Perché questo accada è necessario che ognuno faccia il suo”.

“Il governo italiano rispetta tutti gli impegni che ha con l’Europa, ma il più grande impegno che ha con l’Europa è mantenere forte quella tradizione, quella radice che risale al sogno degli Stati uniti d’Europa di Spinelli”, ha detto ancora Matteo Renzi, sottolineando ancora: “Noi non abbiamo paura di dire che scriveremo una pagina significativa della nostra storia, se saremo capaci di dire che il futuro che ci riguarda e che ci appartiene è un futuro che vogliamo costruire e non subire”.

La presidente della Camera, Laura Boldrini, che ha organizzato in prima persona l’incontro, nel corso del suo intervento, ha invece sottolineato: “Non c’è alternativa all’Europa perché in un mondo globale i nostri Paesi medio-piccoli non avrebbero la possibilità di svilupparsi. Stare insieme in modo socialmente sostenibile è l’unica possibilità”.

Poi ha lanciato un appello: “L’Europa non può essere sorda ai bisogni. Noi oggi ci faremo portavoce di queste istanze, la sfida è rafforzare il progetto degli Stati Uniti d’Europa”.

Redazione online