Renzi a Londra preoccupato per la disoccupazione si ostina a “correre” sulle riforme

Matteo Renzi (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Matteo Renzi (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Il premier Matteo Renzi è arrivato a Londra, dove incontrerà il primo ministro inglese David Cameron. Fuori dall’ambasciata italiana il presidente del Consiglio è tornato sul tema della disoccupazione ed ha ribadito la necessità di tenere un passo rapido per l’approvazione delle riforme.

Riportando alcuni dati relativi a studi comparati sull’occupazione britannica e quella nazionale, Renzi ha riferito di una situazione preoccupante, soprattutto per quanto riguarda la disoccupazione giovanile. Degni di nota e commentati sono stati soprattutto i dati proposti oggi dall’Istat, i quali parlano di un tasso di disoccupazione pari al 13% e di cifre da capogiro per quanto riguarda i più giovani: “42,3%. Come ricordato dal premier, “in un anno si sono persi mille posti di lavoro al giorno”.

“Ci sono dei segnali di ripresa, ma non sono sufficienti. Accanto ai segnali di ripresa è fondamentale che l’Italia faccia quello che devo fare, ecco la necessità di correre sulle riforme”, ha affermato Renzi ai microfoni dei cronisti.

“Correre e non perdere tempo”, ha poi ripetuto il premier dimostrandosi irremovibile sulla volontà di velocizzare il processo di varo delle riforme e di relativo vaglio in sede parlamentare.

 

Redazione online