Rapporto Confesercenti-Swg: anche Pasqua al risparmio per gli italiani

soldi
Soldi (Getty Images)

 

Secondo un rapporto Confesercenti-Swg, la crisi condizionerà anche le festività pasquali degli italiani, che, in buona parte per ragioni economiche, si orienteranno su scelte al risparmio. Solamente il 31% dei nostri concittadini, infatti, si sente tranquillo con il proprio reddito.

Il 25% degli intervistati ha dichiarato che non acquisterà nè colombe nè uova di Pasqua, e anche tra coloro che comunque non rinunceranno a questi dolci tradizionali, il 43% si affiderà alle colombe industriali, mentre solo il 23% non vuole rinunciare alla qualità “percepita” delle artigianali.

Dietro al calo del consumo di agnello durante questo periodo non si celano probabilmente solo ragioni economiche, ma anche etiche, con il dibattito sull’utilizzo di questo animale che ha conquistato maggiormente la sensibilità sociale, evidentemente. Risulta infatti dal sondaggio che ben il 58% degli intervistati lo escluda dal proprio pranzo di Pasqua o Pasquetta. In particolare, il 35% è contrario a inserirlo nel menù e il 23% “rinnega” la tradizione, mentre solo il 31% porterà l’agnello in tavola.

A parte questo classico secondo piatto, gli italiani pare stiano riscoprendo le tradizioni culinarie locali, che, siano esse dolci o salate, nel giorno di Pasqua non devono mancare e sono numerosissime: soprattutto al Sud, gli acquisti pre-pasquali sono molto spesso legati alla preparazione di queste pietanze.

Redazione