Thailandia: politici arrestati saranno trattenuti per una settimana dall’esercito

Prayuth Chan-Ocha, capo esercito militare thailandese (screen shot youtube)
Prayuth Chan-Ocha, capo esercito militare thailandese (screen shot youtube)

A distanza di una settimana dal golpe militare in Thailandia, la situazione nel paese è tornata in una fase di calma, mentre i militari al potere stanno proseguendo a convocare i leader politici per risolvere la crisi politica.

Intanto però si apprende che i 35 leader politici che sono stati arrestati dalla giunta militare, tra i quali l’ex premier Yingluck Shinawatra, potrebbero essere trattenuti “fino ad una settimana”.

“Potrebbero essere detenuti fino a una settimana, secondo il loro grado di coinvolgimento” nella crisi politica che ha portato al colpo di Stato, ha detto il colonnello Winthai Suvaree, portavoce dell’Esercito.
Infatti, ieri, il Consiglio Nazionale per il Mantenimento della pace e dell’Ordine (Npomc) ha convocato 155 esponenti politici ed attivisti, 100 dei quali sono stati tratti in arresto come l’ex premier Niwattumrong Boonsongpaisan e il leader della protesta che in questi ultimi mesi ha portato alla deposizione della premier, Suthep Thaugsuban.
Sugli arresti però sono giunte le critiche della comunità internazionale.

Questa mattina, la giunta militare ha convocato altre 35 persone tra cui docenti universitari, pena l’arresto nel caso in cui non si presentino.

Ma intanto, prosegue il regime di censura applicato dai militari.
Infatti, dopo la sospensione dei programmi televisivi, martedì scorso, oggi una giovane giornalista thailandese che aveva pubblicato una fotografia su Facebook con una scritta nella quale esprimeva la sua contrarietà al colpo di stato è stata licenziata dalla sua emittente televisiva.

Il quotidiano locale Prachatai racconta che la giornalista, Porntip Mongyai che si era coperta la bocca con due nastri adesivi a formare una grande “X” si è fatta fotografare al fianco di una fila di soldati.

Redazione

LEGGI ANCHE:
Thailandia: arrestata ex premier Yingluck Shinawatra