Europee, parlamentari M5S non commentano il voto: “Attendiamo dati consolidati”

Il logo del M5S (Getty Images)
Il logo del M5S (Getty Images)

Bocche cucite dal Movimento 5 Stelle, dopo la sconfitta elettorale alle Europee: i grillini puntavano a scavalcare dalla prima posizione il Pd di Matteo Renzi, ma non solo si devono accontentare di essere “appena” seconda forza, devono anche fare i conti con un distacco abissale e con un’emorragia di voti che potrebbe aggirarsi intorno ai 3-4 milioni in meno, in termini assoluti, rispetto alle elezioni politiche del febbraio 2013.

“Penso che Grillo a quest’ora dorma”, si è limitata a commentare Roberta Lombardi, deputata del Movimento 5 Stelle in conferenza stampa, alla domanda dei cronisti se i pentastellati avessero sentito il loro leader. Ha aggiunto il senatore Nicola Morra: “Poiché ci sembra ci sia una certa disomogeneità nelle sezioni scrutinate, cercheremo di valutare il dato analiticamente quando ci sarà l’80-85% delle sezioni scrutinate”.

“Domani mattina vi aspettiamo e faremo le nostre valutazioni con numeri definitivi”, ha spiegato Morra. Nel pomeriggio, Beppe Grillo, recandosi al proprio seggio per votare, si era lasciato scappare un “Vinciamo anche le Regionali in Abruzzo e Piemonte”.