Inchiesta Mose di Venezia, indagato ex ministro Matteoli

Altero Matteoli (Paolo Bruno/Getty Images)
Altero Matteoli (Paolo Bruno/Getty Images)

L’ex ministro all’Ambiente e alle Infrastrutture del governo Berlusconi, Altero Matteoli, ha ricevuto nei giorni scorsi un avviso di garanzia dalla procura di Venezia in merito alle inchieste Mantovani e Venezia Nuova, riguardanti la costruzione del Mose, il sistema di paratoie mobili a scomparsa messo a punto per salvaguardare la laguna di Venezia dal rischio “acqua alta”. Il fascicolo con gli atti relativi all’ex ministro è stato stralciato e trasmesso al tribunale dei ministri.

Matteoli sarebbe coinvolto in una presunta distrazione di fondi legata all’ex presidente della Mantovani Piergiorgio Baita. L’ex ministro ha spiegato in una dichiarazione all’Ansa: “Nei giorni scorsi, ho ricevuto notizia di un procedimento che mi vedrebbe coinvolto. Non avendo nulla da nascondere e non avendo mai percepito alcunché, ho richiesto tramite i miei legali di essere sentito da magistrati di Venezia, davanti ai quali mi presenterò nei prossimi giorni per chiarire la mia posizione e per fornire ogni chiarimento che mi verrà richiesto”.

Redazione online