Facebook, “outing sui dipendenti”: oltre la metà dei lavoratori è di sesso maschile

 Facebook (getty images)
Facebook (getty images)

Il settore delle tecnologie da sempre è esclusivamente in mano agli uomini e come molte compagnie come Google e Yahoo!, anche Facebook farebbe delle pressione sulla composizione di genere ed etnia della sua forza lavoro.
Infatti, nella società del social network oltre la metà dei dipendenti, in tutto il mondo, è di sesso maschile pari al 69% dei dipendenti e risulta che solo il 15% delle posizioni “tech” è occupata da donne.
Stessa discriminazione anche per quanto riguarda l’etnia: il 2% dei dipendenti “senior” negli Stati Uniti è nero, il 4% ispanico, il 19% asiatico e il 74% è composto da bianchi.
A livello globale, le posizioni tecnologiche sono ricoperte da uomini per l’85% e negli Usa da bianchi per il 53% e da asiatici per il 41%.

“La diversità è essenziale per raggiungere la nostra mission”, scrive sul blog di Facebook la responsabile per la diversità Maxine Williams, tuttavia “i numeri mostrano che abbiamo molto lavoro da fare”.
Si apprende da un comunicato che Facebook sta cercando di migliorare e a tale scopo avrebbe avviato delle partnership con delle associazioni e degli enti di formazione per incoraggiare le donne e le persone di ogni etnia ad avvicinarsi al mondo della tecnologia e della programmazione.

Redazione