Salvini contro sbarchi migranti: “Portano malattie”

Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord (GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)
Matteo Salvini, segretario federale della Lega Nord (GABRIEL BOUYS/AFP/Getty Images)

Proseguono gli allarmismi sugli sbarchi di migranti da parte della Lega Nord e del suo segretario Matteo Salvini, che è tornato oggi a parlare della possibilità che con i clandestini arrivino e si diffondano nel Paese anche malattie ritenute oramai scomparse, argomento già trattato nelle scorse settimane ai microfoni di SkyTg24. “Mentre perfino Obama rafforza i controlli dei confini americani contro l’immigrazione clandestina, il governo Renzi dorme”, ha scritto Salvini sul proprio profilo Facebook, aggiungendo: “Troppa gente guadagna sulla pelle dei clandestini. E intanto con gli immigrati sbarcano le malattie”.

Nei giorni scorsi, il deputato della Lega Nord, Roberto Caon, ha definito “scellerato” “il silenzio del governo dopo che dieci militari della Marina sono risultati positivi al test della tubercolosi”. Ha aggiunto Caon: “Quando la Lega Nord diceva che i clandestini avrebbero portato malattie e morte i benpensanti gridavano allo scandalo, ora che le nostre preoccupazioni sono state confermate il governo e le istituzioni si trincerano dietro un silenzio imbarazzante”.

Il riferimento era all’annuncio fatto dal capo di Stato Maggiore della forza armata, ammiraglio Giuseppe De Giorgi, che aveva parlato di otto casi di positività alla Tbc tra i militari italia, precisando: “Non abbiamo contagiati né malati, bensì solo persone che non hanno sintomi della malattia ma sono positivi al test: una condizione che spesso finisce da sola o con cure ordinarie”. L’ammiraglio aveva aggiunto: “Bisogna anche considerare che in un mondo così globalizzato tutti siamo esposti ed il numero di positivi tra il personale della Marina è comunque sensibilmente inferiore alla media nazionale”.

Le sue parole, però, avevano creato allarmismo nel centrodestra; “Ma cosa aspetta il Governo a fermare Mare Nostrum? Forse che i militari della nostra Marina muoiano infettati dalla tubercolosi contratta durante le operazioni di soccorso?”, si era chiesto Maurizio Gasparri di Forza Italia, mentre lo stesso invito a fermare Mare Nostrum era arrivato dal presidente nazionale di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale, Giorgia Meloni.

Redazione online