Istat: retribuzioni contrattuali al minimo storico

Banconote (Getty Images)
Banconote (Getty Images)

Ancora notizie negative dall’Istat sullo stato della nostra economia. Questa volta riguardano i salari, per la precisione le retribuzioni contrattuali orarie, che nel mese di luglio di quest’anno sono rimaste ferme rispetto a giugno, mentre sono cresciute solo dell’1,1% rispetto a luglio 2013. L’Istat comunica che si tratta della crescita annua più bassa da almeno 32 anni, cioè dal 1982 quando sono iniziate le serie ricostruite. Si tratta quindi del minimo storico.

Nei primi sette mesi del 2014 la retribuzione oraria media è cresciuta dell’1,3% rispetto allo stesso periodo del 2013.

Redazione