Caso Centrella, nuovi guai per ex leader Ugl

Una manifestazione dell'Ugl (screenshot Youtube)
Una manifestazione dell’Ugl (screenshot Youtube)

Nuovi guai per l’ex segretario generale della Ugl, Giovanni Centrella, al centro di un’inchiesta che lo vede indagato, assieme alla moglie, Patrizia Lepore, e all’ex coordinatrice della segreteria generale Laura De Rosa, per appropriazione indebita di fondi del sindacato. Stamattina, infatti, la Guardia di finanza, su disposizione del gip di Roma, che fa seguito a una richiesta del procuratore aggiunto Nello Rossi e del sostituto procuratore Stefano Pesci, ha ordinato il sequestro dell’abitazione dell’ex segretario Ugl.

Il provvedimento, spiega in una nota la Gdf, “è stato adottato sul presupposto che Centrella, abusando della sua qualità di segretario generale dell’Ugl e della totale assenza di controlli sul rendiconto delle spese della predetta associazione, si sia appropriato, a più riprese ed in vario modo, di ingenti somme di denaro dell’organizzazione sindacale”.

Nella fattispecie, Centrella avrebbe aperto “un conto corrente ‘fantasma’ intestato al sindacato, ma in effetti gestito esclusivamente dallo stesso, all’insaputa dei responsabili amministrativi dell’Ugl”. Da questo conto avrebbe poi attinto la cifra di 65mila euro, versati a mo’ di acconto per l’acquisto dell’abitazione, poi intestata al figlio.

Redazione online