Usa: Pil terzo trimestre 2014 a +3,9%

Barack Obama (Ethan Miller/Getty Images)
Barack Obama (Ethan Miller/Getty Images)

L’economia statunitense mette il turbo e trascina anche la ripresa mondiale. Oggi è arrivato il dato definitivo sul Pil Usa del terzo trimestre 2014 e si è rivelato superiore alle attese. Il Pil americano è cresciuto del 3,9% mentre la stima preliminare si era fermata al 3,5%, addirittura gli analisti si aspettavano una revisione al ribasso, al 3,3%, ma le loro previsioni sono state decisamente smentite. Gli Stati Uniti si confermano dunque la locomotiva dell’economia mondiale, mentre l’Europa arranca e, a parte il piano di investimenti da 300 miliardi di Juncker, che potrebbe anche non bastare, non sembra avere idee sul da farsi, mentre i professori di economia tedeschi rimangono sempre più irrigiditi nelle loro posizioni di strenuo rigore anche di fronte ad una realtà delle cose che dà loro torto e nonostante gli avvertimenti di Ocse e Bce sull’economia europea. Anche l’azione della Bce su nuove misure non convenzionali per contrastare l’inflazione troppo bassa, tra cui l’acquisto dei titoli di Stato dei Paesi Ue è stata frenata dalle ultime dichiarazioni del presidente della Bundesbank Weidmann.

Nel frattempo, l’economia Usa è sostenuta dai consumi, che nel terzo trimestre 2014 sono cresciuti del 2,2%, anche in questo caso sopra le stime preliminari dell’1,8%. Salgono anche le esportazioni a +4,9%, mentre le importazioni sono diminuite dello 0,7%.

Nel secondo trimestre 2014 il Pil Usa era salito a +4,6%. Con la crescita del terzo trimestre, questi sei mesi sono stati i migliori per l’economia statunitense dal 2003.

L’agenzia di rating Moody’s conferma che la crescita economica americana contribuirà ad una graduale ripresa dell’economia mondiale nel 2015. Non mancano però i rischi, sottolinea Moody’s, legati ad un aumento dei tassi di interesse Usa che potrebbero provocare una crisi di fiducia. Ad ogni modo, l’agenzia di rating prevede che il Pil statunitense crescerà del 3% l’anno prossimo.

V.B.