La Regina Elisabetta dice addio ai cani Corgi

Regina Elisabetta con i Corgi
La regina Elisabetta II coi suoi Corgi (Getty Images)

La regina Elisabetta II d’Inghilterra, coi suoi 88 anni la più anziana sovrana vivente, ha detto basta. Non al trono, purtroppo per l’eterno erede Carlo, ma ai Corgi. Sì, i suoi adorati cani Corgi. La decisione della monarca è stata diffusa dal portavoce di Palazzo che ha riferito come la regina “vista la vivacità dei cuccioli, abbia ormai paura di incidenti domestici, per esempio di cadere, rompersi un braccio o una gamba e di non essere in grado di svolgere i suoi compiti per settimane o addirittura per mesi”. Da sempre i piccoli cagnolini hanno scorrazzato nelle residenze regali, incuranti degli ospiti illustri provenienti da ogni parte del mondo. Da oggi però non ci saranno nuovi arrivi. La regina, immaginiamo suo malgrado, ha dovuto declinare la proposta della nipote Beatrice di York che voleva offrire alla nobile nonna due cuccioli di Corgi appena partoriti dalla sua Ginger. Il Corgi è un cane di piccole dimensioni, dalla testa che ricorda una volpe e le zampe lunghe come quelle di un bassotto. Nel 1944, alla corte di Buckingam Palace arrivò Susan, da cui sono discesi tutti gli esemplari con cui la regina si è fatta immortalare in tutti questi anni. La regina ha sempre molto amato questi animali, tanto da prevedere un menu quotidiano per loro, da sempre appeso nella cucina di Sua Maestà. E’ per questo che la sua ultima decisione ha scosso profondamente l’Inghilterra che teme di scorgere un sintomo di stanchezza da parte dell’anziana monarca.

CM