Tifosi Feyenoord, opposizioni contro Alfano: “Scappa”

La Barcaccia dopo il passaggio degli hooligans (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)
La Barcaccia dopo il passaggio degli hooligans (FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)

E’ saltata in Senato l’informativa, prevista per le 18, del ministro degli Interni, Angelino Alfano, sui disordini provocati a Roma dai tifosi del Feyenoord. E’ quanto è emerso dalla riunione dei capigruppo a palazzo Madama, con la vicepresidente dell’Aula, Valeria Fedeli, che ha sottolineato trattarsi soltanto di un rinvio deciso per concludere il dl sull’Imu. Ma la Lega Nord denuncia come “in capigruppo Schifani ha giustificato l’assenza di Alfano dicendo ‘che in fondo non è successo granché’. Siamo schifati dall’atteggiamento del ministro dell’interno e da chi lo difende”.

All’attacco dunque le opposizioni, con il Carroccio che evidenzia: “Ancora una volta Alfano si dimostra un codardo e come tale scappa. Oggi non riferirà in aula come da noi richiesto e già annunciato. Nessuno spiegherà dunque come sia potuto accadere che 500 tifosi olandesi abbiano tenuto in ostaggio il centro di Roma danneggiando irreparabilmente tra l’altro monumenti dal valore inestimabile”.

Per i leghisti, che si sono espressi attraverso il vicepresidente dei senatori Stefano Candiani, Alfano “ha mostrato ancora una volta tutta la propria inconsistenza. Altro che ‘governo dei fatti’, questo è il governo degli irresponsabili. Questo governo ha scelto un ministro dell’interno che non è in grado di difendere le città dai vandali figurarsi se può farlo dai terroristi dall’Isis. Ora non chiediamo più solo l’informativa, ma chiediamo le sue dimissioni per rispetto dei cittadini”.

“Noi eravamo disposti a proseguire l’esame del decreto e posticipare, anche alle 22, l’informativa”, sottolinea dal canto suo Andrea Cioffi del Movimento 5 Stelle, mentre Loredana De Petris, capogruppo di Sel e del gruppo misto, ha evidenziato l’importanza di “ascoltare Alfano, sarebbe stato un segnale in vista della partita di ritorno domani a Rotterdam”.

GM