Choc a Roma, tassista violentata da cliente

Taxi a Roma (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Taxi a Roma (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Choc a Roma, nel quartiere Aurelio: un cliente, intorno alle 7 di questa mattina, è salito su un taxi della compagnia 3570, guidato da una donna. La vettura era parcheggiata in via Aurelia, nei pressi dell’Hotel Ergife. Il cliente ha quindi chiesto alla conducente di essere portato in via Pescina Gagliarda, una stradina in una zona di campagna a Ponte Galeria, ma lì invece di scendere dal taxi, ha tirato fuori un coltello, minacciando la donna, poi l’ha colpita con un pugno, quindi ha abusato di lei.

Non pago, lo stupratore ha sottratto alla donna anche i novanta euro che aveva con lei, quindi si è dato alla fuga. La vittima, una donna di 43 anni, ha fatto denuncia al commissariato Aurelio, che si occupa delle indagini attraverso la squadra mobile di Roma, diretta da Luigi Silipo. Da quel che si apprende, il violentatore avrebbe intorno ai 30 anni, fisico palestrato, calvo e con un forte accento romano: dopo aver raccolto la denuncia, gli agenti hanno condotto la donna all’Aurelia Hospital per le cure del caso, quindi hanno dato il via alle indagini.

Si sta cercando innanzitutto di capire se nella zona dove l’uomo è salito sul taxi ci siano telecamere. Da quanto fa sapere il Campidoglio, la donna “sostituiva il titolare della licenza e aveva appena iniziato il turno a piazza Irnerio”. Non si è fatta attendere la reazione del sindaco di Roma, Ignazio Marino, il quale “ha contattato il presidente della cooperativa 3570, Loreno Bittarelli, a cui ha chiesto di rappresentare alla donna la vicinanza e la solidarietà di tutta la città di Roma”. Inoltre, “l’amministrazione si è subito attivata per sostenere la donna”.

GM