Francesca Pascale: “Marina ottimo leader, ma Silvio non vuole”

Francesca Pascale (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
Francesca Pascale (ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Intervistata da Mario Ajello su ‘Il Messaggero’, Francesca Pascale, fidanzata dell’ex premier Silvio Berlusconi, smentisce di avere un futuro da leader del centrodestra e rivela che a suo avviso Marina Berlusconi, primogenita dell’ex Cav, “la farebbe benissimo la leader di partito. Ma il papà non la vuole sacrificare”. Poi dà il suo giudizio su Alfio Marchini: “Le donne lo voterebbero in massa, ma politicamente è più attrezzato Caldoro”. In ultimo, Mara Carfagna: “Tutti le dovrebbero chiedere scusa per le cattiverie e le malignità che sono state scritte su di lei. Quanta spazzatura”.

Il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, per poter aspirare alla leadership non dovrebbe però vincere le elezioni del prossimo 31 maggio, invece – dice la Pascale – “vincerà. Perché é l’unico candidato presentabile. Del Luca é l’impresentabile per eccellenza e tutta la brutta gente é nelle liste loro. Noi ci siamo liberati dagli impresentabili e festeggiamo”. Una leadership di Giovanni Toti? “Intanto mi preparo a brindare, se vince in Liguria”. La Pascale è convinta però di una cosa: “Il ciclo di Berlusconi non é finito e io a questa storia della successione non credo. Nessuno ha il suo carisma, la sua storia, la sua forza e i tutti i soldi che ha messo nel nostro partito. Siamo viziati perché abbiamo sempre avuto lui d ora é difficile pensare di poter cambiare”.

Quindi parla del suo rapporto con l’ex premier, rivelando: “A lui non piacciono i tatuaggi. E neppure i jeans gli piacciono. E neppure le moto. Anche se la mia Harley me l’ha regalata lui, e anche il nuovo cane che abbiamo ad Arcore lo abbiamo chiamato così, ma non vuole che vada sulla moto perché ha paura che cado”. Infine un commento: “Fanno i processi di moralità soltanto a Berlusconi, e a tutti gli altri no”.

GM