Unione Europea: “Sanzioni per chi non vuole accogliere i profughi”

Migranti Profughi
(ROBERT ATANASOVSKI/AFP/Getty Images)

In queste ore convulse con l’emergenza migranti da un lato e i tentativi dei governi europei di prendere decisioni definitive in una situazione d’emergenza arriva la proposta della Commissione Europea che prevede, come ha annunciato Hollande al termine di un vertice con Angela Merkel, un  “meccanismo permanente e obbligatorio” di quote per i migranti e prevede altresì un sistema di sanzioni per chi non volesse accettare tale soluzione. I Paesi che non volessero accogliere i profughi saranno lasciati liberi di farlo, ma non senza una pesante multa europea che dovrebbe rendere tale scelta particolarmente sconveniente.

Nel frattempo la Germania, accusata pesantemente da Ungheria e Austria sulla politica di gestione dei migranti, risponde prima con Angela Merkel: “La Germania fa ciò che è moralmente e giuridicamente dovuto. Né di più, né di meno” e poi con il presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz che chiarisce a tutti che “il problema dell’afflusso dei migranti non è un problema ungherese, ma tedesco. Nessuno vuole stare in Ungheria o in Estonia. Tutti vogliono andare in Germania”.

Per quanto riguarda l’Italia arrivano le parole del premier Renzi: “Malta e Italia pensano che non ci sia alternativa a salvare tutti quelli che rischiano di morire, e questo lo stiamo facendo insieme, con tutte le difficoltà del caso. Questa non è un’emergenza, è una situazione ma continuerà a lungo e richiede un approccio globale ed europeo. È dovere dell’Europa dare una risposta unitaria, dare una risposta che parta dal diritto d’asilo europeo, da iniziative europee sull’accoglienza e gestione dell’emergenza, dal rimpatrio europeo, ma anche da una strategia globale che tenga insieme gli interventi fondamentali da fare nei paesi d’origine”.

F.B.

Leggi anche:

Storia di Aylan, il bimbo che sognava il Canada

Permessi di soggiorno, la Corte Ue condanna l’Italia

Migranti, Merkel chiede aiuto all’Italia: “Intensificate i controlli al Brennero”