Rugby, l’Australia raggiunge la Nuova Zelanda nella finale mondiale

Argentina-Australia (Photo by Matt Lewis - World Rugby/World Rugby via Getty Images)
Argentina-Australia (Photo by Matt Lewis – World Rugby/World Rugby via Getty Images)

L’Australia ha battuto 29-15 l’Argentina e si e’ qualificata per la sua quarta finale dei mondiali di rugby, dove dovrà vedersela sabato con la Nuova Zelanda. Decisive le tre mete di Adam Ashley-Cooper. Un match, giocato a Twickenham, tutto sommato dominato dai Wallabies, campioni del mondo nel 1991 e nel 1999 e secondi classificati nel 2003, in vantaggio dopo appena 70 secondi con una meta di Rob Simmons e poi sempre avanti con il primo tempo che si e’ chiuso sul 19-9. E se gli All Blacks avevano faticato tantissimo ad aver ragione del Sudafrica nell’altra semifinale, non è stato lo stesso per gli ‘Aussie’. Ora, per la prima volta nella storia del rugby, dunque, la finale dei Mondiali sarà Nuova Zelanda-Australia. Due vittorie iridate a testa: chi vince sale a tre titoli e stacca l’avversaria e il Sudafrica. Non è bastato all’Argentina il tifo scatenato di Diego Armando Maradona, che in tribuna ha dato spettacolo e si è scolato pure diverse birre, inquadrato in maniera implacabile dalle telecamere. I biancocelesti se la vedranno ora con gli Springboks nella finale di consolazione, in programma venerdì alle 21 all’Olimpico di Londra.

M.O.