“Puntine” nei panini della mensa: è psicosi tra le famiglie

Puntine nel panino (foto Facebook)
Puntine nel panino (foto Facebook)

Puntine metalliche da spillatrice nei panini per la refezione scolastica: è successo a San Giorgio a Cremano, in provincia di Napoli, dove è grande la preoccupazione tra le famiglie dei bambini che frequentano l’istituto coinvolto nella vicenda. Sulla vicenda è intervenuto Giorgio Zinno, 36 anni, da maggio sindaco Pd della cittadina dell’hinterland partenopeo, che ha spiegato sulla sua pagina Facebook’: “Osservando il panino, appare abbastanza chiaro che i punti metallici non fossero presenti al momento della cottura, data la loro lucentezza ed il fatto che non fossero amalgamate all’impasto”.

Il primo cittadino ha sottolineato: “Questa mattina ho provveduto a presentare denuncia contro ignoti in seguito al ritrovamento, ieri mattina, di alcuni punti metallici per spillatrice all’interno di un panino, distribuito dalla ditta che si occupa di refezione scolastica“. Quindi ha rassicurato “tutti i genitori che l’azienda che si occupa della refezione ha provveduto ieri stesso a sostituire il produttore del pane, in attesa delle necessarie verifiche e che gli standard di qualità della mensa comunale sono rispettati, indipendentemente da questo singolo episodio“.

Zinno si è infine detto certo che “le Forze dell’Ordine effettueranno in tempi rapidi le indagini individuando il responsabile di questo incomprensibile gesto e pertanto vi invito a non aderire ad un ingiustificato clima di allarme“. L’episodio è molto simile a quello avvenuto in una scuola elementare di Bologna una quindicina di giorni fa, quando una bimba addentò una puntina da ingegnere, presente nel panino che stava mangiando. “Non appena ho sentito una cosa fredda in bocca l’ho sputata subito. Poi è venuta una maestra e mi ha chiesto se l’avessi messa io. Ma perché avrei dovuto farlo?”, ha raccontato la bambina alla mamma.

GM