Attentati di Parigi: Safer e i musulmani eroi di Francia

A waiter works in a French brasserie "Le Train Bleu", on April 11, 2013 in Paris. AFP PHOTO / FRED DUFOUR        (Photo credit should read FRED DUFOUR/AFP/Getty Images)
(FRED DUFOUR/Getty Images)

Nel giorno in cui la Francia piange i suoi morti, qualcuno cerca di ricordare che tra i caduti della follia terroristica che ha colpito Parigi nell’ultimo anno e chi ha cercato di fermarla, ci sono anche dei musulmani. Durante l’attacco a Charlie Hebdo il poliziotto 42 enne Ahmed Merabet, fu ferito e finito con un colpo d’arma da fuoco alla testa mentre tentava di fermare i killer. Lassana Bathily salvò alcuni clienti dell’Hyper Cacher – supermercato di prodotti ebraici –  durante l’irruzione di  Amedy Coulibal, nascondendoli in un congelatore. Ieri sera, invece, Safer, un cameriere musulmano  impiegato in uno dei locali finiti sotto attacco, ha salvato la vita di due donne; vedendole ferite – una a un braccio, l’altra a una spalla – non ha esitato a trascinarle nella cantina del suo locale, evitando che finissero sotto i colpi degli attentatori. La sua storia è stata resa nota da un giornalista della Bbc che ha twittato la sua foto, scrivendo: “Questo è Safer, lavora in uno dei ristoranti, è musulmano e ha salvato la vita a due donne ferite, ed è incredulo”.

L. B.