Bimba sparisce nel nulla: inquietante ipotesi degli inquirenti

Bambina (Andrew Wong/Getty Images)
Bimba (Andrew Wong/Getty Images)

Sono ore d’ansia tra Seregno e Brescia per la scomparsa di una bimba di appena 14 mesi, della quale non si hanno notizie da Capodanno, quando la madre 37enne di origini marocchine l’ha accompagnata in casa di amici, a Bagnolo Mella, nel bresciano. La donna, che è senza compagno, è ospite da ottobre 2014 in una residenza protetta, ma per Capodanno aveva appunto chiesto un permesso per stare con alcuni amici  e proprio nella casa dei suoi connazionali che si perdono le tracce della figlia.

In base al racconto della giovane marocchina, la figlia sarebbe stata affidata a un amica che si sarebbe offerta di portarla nel Paese d’origine, ma dai riscontri incrociati effettuati questo non risulta. Inoltre la 37enne non collabora alle indagini e il forte sospetto degli inquirenti è che nasconda una sconvolgente verità. Anche per questo, nelle scorse ore, è stata arrestata e ristretta nel carcere bresciano di Verziano, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

La madre marocchina è indagata per sequestro di persona e sottrazione di incapace: l’ipotesi investigativa è che possa aver venduto la figlia a una coppia della provincia di Brescia e che quindi la piccola non abbia mai lasciato il nostro Paese. Le indagini sono coordinate dal tribunale di Monza e condotte dai carabinieri di Seregno e Verolanuova.

GM