Federico

Federico

Svolta nel caso di Francesco Solimo, il bambino rapito circa 5 anni fa  dalla mamma e portato di nascosto in Venezuela. Il piccolo,  è stato ritrovato dagli inquirenti attivati dal padre del piccolo, ai confini tra il Venezuela e la Colombia.

Era insieme alla mamma Tanya Polito quando la polizia lo hanno trovato e portato a Caracas. Il padre, dunque, si è recato in Venezuela per iniziare le pratiche per il ritorno del figlio a Sant’Arsenio. Sospiro di sollievo da parte di quanti avevano preso a cuore la vicenda.

La vicenda

Sergio Solimo, papà del piccolo Francesco,  nel mese di ottobre del 2010 ha iniziato un lungo calvario. Tutto è cominciato quando la moglie, Tanya Polito, partì con suo figlio per il Venezuela, diretta nella capitale  per farlo conoscere ai nonni: doveva essere una vacanza breve, invece, Tanyia non fece ritorno nel nostro paese.

I tentativi di Sergio sono stati del tutto inutili e dopo aver fatto una denuncia all’autorità giudiziaria, nel 2011 a Caracas sperava di convincere sua moglie a ritornare. Dopo l’uomo, sempre più disperato ha dato  il via alla procedura per il divorzio: nel 2012, l’alta Corte venezuelana si espresse in favore del rimpatrio in Italia del piccolo Francesco. Tanya rientrò in Italia soltanto per un’udienza della causa di separazione, ma per lei scatterà l’arresto e con l’accusa di sottrazione di minore all’estero. Dopo essere stata messa agli arresti domiciliari presso la sua abitazione di Sant’Arsenio, la donna riottenne la libertà dal Tribunale del Riesame di Salerno, ma con il divieto di espatrio. Però la sudamericana ne approfittò e fece nuovamente perdere le sue tracce. Innumerevoli gli appelli del padre per ritrovare il piccolo.

MD