“Fumante” la pistola sequestrata a Debora Sorgato

Debora Sorgato (Facebook)
Debora Sorgato (Facebook)

Importanti novità nelle indagini sull’omicidio di Isabella Noventa, la 55enne segretaria di Albignasego, scomparsa da Padova a metà gennaio, per il cui delitto sono stati tratti in arresto Freddy Sorgato, sua sorella Debora e Manuela Cacco, attuale fidanzata del ballerino, fermati con l’accusa di omicidio premeditato in concorso. Nei giorni scorsi, infatti, nell’abitazione del compagno di Debora Sorgato, un maresciallo dei carabinieri al momento non coinvolto nell’indagine, gli agenti hanno trovato 124mila euro in mazzette chiuse all’interno di una scatola nascosta nell’armadio usato dalla donna e due pistole, una Beretta 765 con il colpo in canna e una Astra spagnola con 51 proiettili.

Secondo quanto si è appreso, era stato proprio il militare dell’Arma a denunciare il ritrovamento e Debora Sorgato ora è indagata anche per riciclaggio e detenzione illecita di armi. A complicare ulteriormente la posizione della sorella del ballerino ed ex fidanzato di Isabella Noventa, ci sarebbe un particolare reso noto da Gian Mario Balduin, l’avvocato di Paolo Noventa, fratello della segretaria uccisa e fatta sparire nel nulla, il quale ha affermato con convinzione che la Beretta 765 sarebbe “fumante”, ovvero avrebbe sparato da poco. La notizia non viene confermata in via ufficiale dagli inquirenti e a quanto pare sono ancora in corso le perizie balistiche disposte dalla Procura su quanto sequestrato in casa del maresciallo dei carabinieri.

GM