Apprezzamenti a Gabriel Garko, la pm rischia grosso

Gabriel Garko (Neilson Barnard/Getty Images)
Gabriel Garko (Neilson Barnard/Getty Images)

Il Csm, organo supremo della magistratura, deve stabilire se Barbara Bresci, pm della Procura di Imperia, abbia superato i confini dell’obbligo di continenza riguardo alcuni commenti apparsi su Facebook. La pubblica accusa nella vicenda che riguarda l’esplosione della casa di Sanremo, dove era ospite Gabriel Garko qualche giorno prima di partecipare al Festival della canzone italiana, si era lasciata andare con un’amica sul noto social network. “Era bello? L’ hai guardato anche per me?”, le chiede un’ amica. “Eccome…”, risponde il pm, che candidamente ammette di essersi rifatta gli occhi.

La vicenda ha destato diverse polemiche e sul ‘Corriere della Sera’, il critico televisivo Aldo Grasso ha sottolineato: “Che alcuni pm sbaglino indagini, facciano dichiarazioni da manettari, rendano pubbliche le intercettazioni, straparlino a inchieste aperte, al Csm poco importa. Però se un attore è oggetto di apprezzamenti, bisogna intervenire! Non si sa mai: che davanti a Garko alla pm siano tornate in mente le parole di Sant’ Agostino, ‘dammi la castità e la continenza, ma non ora’?”.

Lo scorso primo febbraio, Gabriel Garko è finito in ospedale a seguito dell’esplosione che ha causato il crollo parziale di una villetta nella città dei fiori. L’attore era ancora a letto, mentre nell’esplosione della villetta, che si trova nel quartiere del Solaro sulle alture della città ligure, è deceduta una donna di 77 anni, probabilmente la proprietaria dell’immobile, il cui corpo è stato recuperato dalle macerie dai vigili del fuoco, accorsi sul posto.

Il tg del giorno in meno di tre minuti

GM