Franco Gatti: “Vi spiego perché lascio i Ricchi e poveri”

franco gatti
Franco Gatti (ritaglio video)

“Dopo tanti anni di splendido lavoro insieme ho deciso di dedicarmi di più alla mia famiglia, una semplice scelta di vita. Auguro ai miei meravigliosi compagni ancora tanti anni di successi”, così nei giorni scorsi Franco Gatti aveva annunciato la volontà di abbandonare lo storico gruppo pop italiano dei ‘Ricchi e poveri’. Al “baffo” della nota band avevano replicato Angela Brambati e Angelo Sotgiu, gli ultimi rimasti: “Noi restiamo sul palco perché questa è la nostra vita”.

In un’intervista a ‘Un giorno da pecora’, Franco Gatti ha poi motivato la sua decisione, spiegando: “Ho lasciato perché l’età incalza, qualche acciacco che c’è, non ho più voglia di viaggiare per il mondo. Ho 74 anni, ho voglia di casa, di stare a casa con mia moglie e i miei animali”. Il cantante ha lasciato la band interpretando uno dei maggiori successi, “Mamma Maria”: “Mentre la cantavo sapevo sarebbe stata l’ultima”. Poi gli auguri ai due rimasti ancora con la voglia di salire sul palco: “Gli voglio bene, spero che abbiano altri 50 anni di successo anche senza di me”.

“Mi dispiace, forse qualcuno aveva ancora voglia di vedere la mia brutta faccia. Vi voglio bene, ma è andata così”, ha concluso Franco Gatti, intanto i suoi ex sodali hanno partecipato ieri, per la prima volta senza di lui, a ‘I Migliori Anni’ su Rai Uno, la fortunata trasmissione dedicata al revival canoro condotta anche in questa edizione da Carlo Conti. Nel febbraio 2013, i Ricchi e poveri avrebbero dovuto partecipare come ospiti a una puntata del Festival di Sanremo, ma proprio Franco Gatti venne colto da un lutto improvviso a qualche ora dall’esibizione. Era infatti venuto a mancare suo figlio: il giovane aveva 23 anni ed era morto in una stanza di albergo a Genova.

Il tg del giorno in meno di tre minuti

GM