“Antonio Giglio è stato ucciso da sua madre”

Marianna Fabozzi (foto dal web)
Marianna Fabozzi (foto dal web)

Antonio Giglio, l’altro bambino di 3 anni, deceduto sempre per una caduta accidentale dal balcone proprio come la piccola Fortuna Loffredo, la cui morte è avvenuta nel Parco Verde di Caivano il 24 giugno 2014, sarebbe stato ucciso dalla mamma, Marianna Fabozzi, convivente di Raimondo Caputo, in carcere perché considerato l’assassino della piccola Fortuna, ed essa stessa ristretta in carcere per aver violato gli obblighi di custodia cautelare.

A rivelarlo è il quotidiano ‘Il Giornale’, che ha rintracciato a cognata della Fabozzi, Antonietta Caputo, la quale ha affermato: “Antonio è stato buttato giù dalla madre. Io ero in casa con loro quel giorno. E ho visto Marianna che teneva in braccio il bambino”. La donna ha spiegato: “Vennero qui, dicendomi che dovevo mentire agli inquirenti. Li feci picchiare dalle donne mie amiche, perché anche io sono una mamma e non posso dire bugie su quello che ho visto”.

Questa versione è smentita da Marianna Fabozzi, che chiede a quella che potrebbe essere una supertestimone: “Perché non ha parlato subito, ma solo dopo un anno? La risposta la conosco io. L’ avevamo cacciata di casa perché voleva comandare troppo. E lei si è vendicata”. La mamma di Antonio Giglio ha sempre descritto la morte del figlio come una disgrazia: “Avevo un figlio di 4 anni, Antonio, che è morto per cause accidentali cadendo dalla finestra della camera da letto della casa di mia mamma. Quella giornata il bambino era andato a trovare la nonna e, vedendo l’elicottero dei Carabinieri, si era sporto eccessivamente cadendo giù”.

Intanto sulla morte del piccolo si indaga per omicidio volontario e il padre del bambino, Gennaro Giglio, continua a chiedere verità, spiegando in una recente intervista: “Lei mi odia ma non so se possa essere arrivata a tanto, forse si è solo distratta in quel momento, la verità la sa solo lei ma a questo punto deve dirla e tutte le persone che sanno qualcosa sulla morte del mio bambino debbono passarsi una mano sulla coscienza e andare a dire tutta la verità”.

Il tg del giorno in meno di tre minuti

GM