“La pensione per le donne sarà quasi nulla”: ecco come correre ai ripari

Pensioni donne fonte websource
Pensioni donne fonte websource

“Pensione questa sconosciuta”. Ebbene si, poter godere di una vecchiaia non d’orata ma almeno tranquilla sta diventando sempre più un miraggio per molti lavoratori. Il rischio concreto è che, oltre ad arrivare tardissimo, l’assegno sarà veramente misero. Ad essere maggiormente a rischio sono i fondi pensionistici delle donne:
attualmente le pensioni del gentil sesso sono in media più basse del 36% rispetto a quelle degli uomini; non è tutto, perchè con la riforma del sistema e il passaggio al contributivo il gap potrebbe aumentare.

In molte hanno già pensato a una sorta di “pensione di scorta”, che si realizza con i fondi pensione complementari, con le assicurazioni, con il Tfr oppure o semplicemente mettendo i soldi da parte. Il consiglio degli esperti è correre ai ripari il prima possibile: le donne devono versare una quota superiore di contributi e bisogna provvedere anche in completa autonomia senza delegare tutta l’amministrazione patrimoniale e finanziaria al marito. Nel caso in cui il coniuge abbia un suo strumento integrativo come un fondo, è bene sapere che è possibile ottenere la reversibilità.

LC