“Salviamo Amatrice”: la singolare iniziativa dei ristoratori

(foto dal web)
(foto dal web)

Mentre si aggrava il bilancio del terremoto di magnitudo 6 che ha colpito un’area a cavallo tra le province di Rieti e Ascoli alle 3:38 della notte tra martedì e mercoledì, salite ormai a oltre 200, si moltiplicano le iniziative di solidarietà con le popolazioni colpite dal sisma. In particolare vengono organizzate iniziative a favore di Amatrice, “patria” della pasta alla Amatriciana, che nei prossimi giorni avrebbe festeggiato i cinquant’anni, e sede del polo agroalimentare del Parco nazionale del Gran Sasso Monti della Laga.

Questa l’iniziativa ideata dal food blogger Paolo Campana che sta raccogliendo numerosi consensi: “Bisogna muoversi veloci. Ci provo – scrive su Facebook – Nei prossimi giorni ci doveva essere una festa e invece… lanciò una PROPOSTA a tutti gli amici ristoratori. Nei prossimi giorni DEVOLVIAMO TUTTI UN EURO per ogni piatto di AMATRICIANA ordinato e consumato?! Magari è una cazzata, magari invece aiuta! Facciamo diventare la sagra un evento nazionale di beneficenza! #terremoto #saveAmatrice #tuttoaiuta”. In pratica, per ogni piatto di amatriciana un euro in più viene messo dal cliente e uno dai ristoratori che aderiscono a questa iniziativa.

Insiste Paolo Campana: “E’ tutta la mattina che ci penso… adesso le cose sono più chiare e quella che sembrava una semplice proposta è diventata una vera e propria urgenza! Spero che tutti i ristoratori aderiscano e che le donazioni alla Italian Red Cross – Croce Rossa Italiana arriveranno numerose”. Sono già molte, intanto, le adesioni dei ristoratori laziali all’iniziativa.

GM