Daniela Martani ora ha paura: “Avete deciso che volete farmi ammazzare?”

Daniela Martani (Web)
Daniela Martani (Web)

Daniela Martani, ex hostess dell’Alitalia ed ex concorrente del Grande Fratello, oggi in mancanza di altro tipo di visibilità fa la paladina dei diritti dei vegani. Dopo il terremoto che ha devastato il centro Italia ha avuto la brillante idea di sostenere che siccome ad Amatrice era stata inventata la famosa pasta all’amatriciana si trattava di una punizione dettata dal karma. Questa sua affermazione ha scatenato una selva di polemiche sempre più aspre. Poche ore fa è intervenuta in sua difesa Selvaggia Lucarelli che ha scritto a chi insulta via social network: “Martani fa pena, questo è sicuro, ma voi fate schifo”. E la stessa Daniela Martani oggi prova a dire basta ai tanti insulti ricevuti, ma soprattutto alle numerose minacce di morte e lo fa scrivendo al sito Dagospia: “Avete deciso che volete farmi ammazzare? Stanno arrivando minacce di morte a me e alla mia famiglia. Avevo chiesto una rettifica ed invece ci siete andati giù ancora più pesante. Cosa volete ottenere? Che muoia di fame perché nessuno mi farà mai più lavorare? Che non possa più circolare per strada per paura di essere aggredita? Mi state trattando come se avessi ammazzato personalmente 250 persone”.

La Martani dopo la polemica aveva anche provato a sostenere di non essere stata lei l’autrice del post incriminato, una tesi a dire il vero risultata poco credibile: “Ho ripreso solo ora possesso del mio Facebook. In merito alla vicenda che mi vede coinvolta posso solo dire che stiamo cercando di capire cosa sia successo: se qualcuno sia entrato o abbia utilizzato il mio computer che si trovava aperto e collegato su Facebook durante una festa di italiani in cui stavo mettendo musica. Sono profondamente dispiaciuta che il post abbia creato così tanto dolore a chi ha perso tutto e a chi si sia sentito colpito da quello che è stato scritto. È successa una tragedia inimmaginabile Per quanto riguarda la localizzazione come potete vedere ora sul post, esistono delle applicazioni che possono registrarvi in qualunque parte del mondo. Sarà mia premura accertare la verità. Mi dispiace. Ogni offesa o minaccia sarà denunciata alle autorità competenti”.

F.B.