Alberto, travolto dal tragico sisma insieme al figlio Tommaso

Alberto Reitano (foto dal web)
Alberto Reitano (foto dal web)

Una famiglia distrutta quella di Alberto Reitano, morto insieme al figlio Tommaso, sotto le macerie del terremoto che ha raso al suolo Pescara del Tronto, Patrizia Marano, la moglie di Alberto, è ferita gravemente e lotta contro la morte, come è sopravvissuta anche la moglie di Ezio Tulli, Giovanna Gagliardi, entrambi poliziotti residenti a Nettuno. Morti anche i figli della coppia. Sono tra le vittime della della scossa, di magnitudo 6.0, che ha lasciato alle proprie spalle dolore e morte, con 290 vittime finora accertate e una quindicina di persone che mancano all’appello.

“Alberto era nato e cresciuto in via Flavio Stilicone, andavamo a scuola insieme alle elementari e siamo rimasti amici per tutti i successivi cinquant’anni”, ha raccontato un amico di vecchia data. “Aveva una grande passione per le moto ed era in prima linea anche nell’organizzazione della Festa di Fine Estate.  Ad esempio lo scorso anno ha messo in piedi la sfilata delle Harley Davidson”. Commosso il ricordo degli amici del CSA Don Bosco: “Gnappa, sarai con noi anche quest’anno, con tanti altri amici e amiche che ti hanno accolto con il tuo figliolo, seppur nel cielo e nel profondo dei nostri cuori sicuramente. Tu ci guiderai come sempre con il rombo della tua moto. Siamo certi che sarete presenti tutti tra noi anche stavolta, ovunque voi siate, con balli e sorrisi”.

Tante le famiglie distrutte dal sisma

Drammatica anche la vicenda della famiglia Pedicone: Gabriele, 8 anni, unico sopravvissuto di una famiglia ormai distrutta, a lungo a vagato subito dopo il sisma alla ricerca dei suoi familiari. Sotto le macerie del terremoto che ha raso al suolo Amatrice, ha perso il padre Gianluca Pedicone, la madre Letizia e la sorellina Martina, di 10 anni. Una famiglia come tante, come quella di Paolo e Giacomo Dell’Otto, rispettivamente di 51 e 52 anni. I due fratelli sono rimasti uccisi sotto le macerie a Sezze, insieme alla la moglie di Giacomo, Aura, e alla figlia Angela di 13 anni. Non ce l’hanno fatta Alberto Reitano e il figlio Tommaso.

Niente da fare anche per un’altra famiglia, originaria di Monte Compatri, padre, madre e figlio di 9 anni, della frazione Pantano-Laghetto, sono stati travolti dalle macerie del sisma che ha colpito Amatrice. Si tratta di Candido Sigismondi e la moglie Daniela Natalucci, di 45 e 41 anni, e il figlioletto Riccardo di 9. Lui autista dell’Atac a Roma, erano entrambi originari di Amatrice ed erano lì per passare una settimana di vacanze e assistere alla Sagra della Pasta alla Amatriciana, che si sarebbe dovuta svolgere in questo weekend.

Distrutta infine un’altra famiglia, che era originaria di Camerata, frazione di Todi, in Umbria e si trovava riunita ieri ad Amatrice, che è un rinomato luogo di villeggiatura per tante famiglie del centro Italia alla ricerca di relax in alternativa alle località marittime. A causa dell’evento catastrofico hanno perso la vita Adriano Sargeni – poliziotto 84enne in pensione – la moglie Artemia, la figlia Gabriella Sargeni e il genero Mauro Marincioni, finanziere in forza al comando di Rieti.

 

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM