Neonato accoltellato 14 volte e sepolto vivo dalla madre: “E’ ancora vivo” – FOTO

14-times

E’ stato ribattezzato “il bimbo che non voleva morire”. Il motivo? I medici lo hanno trovato sepolto vivo nella provincia di Khon Kaen, in Thailandia. Aidin, questo il nome dell’infante, nonostante avesse scarsissime speranze di sopravvivenza ce l’ha fatta.

Il piccolo, nonostante la tenerissima età, ha già affrontato prove durissime: aveva solo pochi giorni quando la mamma, una donna di 42 anni, decise di abbandonarlo dopo averlo accoltellato per 14 volte. Non soddisfatta, scavò una fossa profonda 20 centimetri e lasciò il piccolo a faccia in giù nel terreno. Il suo destino sembrava segnato ma Aidin non voleva morire e non smise di urlare: a percepire quelle grida soffocate fu Kachit Krongyu, un pastore di 53 anni che ha fermato il suo gregge e si è messo alla ricerca del piccolo: “In un primo momento ho pensato che qualcuno avesse sepolto un animale vivo – ha raccontato l’uomo – Poi ho visto un piedino che sbucava dalla terra sotto un eucalipto. Ho mantenuto il sangue freddo e ho iniziato a scavare”.

Nonostante i pronostici, Aidin ce l’ha fatta e, dopo un periodo all’orfanotrofio Kaen Thong, si appresta a voltare pagina: è stato adottato da una famiglia svedese ed è pronto per volare in Europa. “Siamo così felici per lui – ha detto Supachai Pathimchart, responsabile dell’orfanotrofio – Andrà a vivere con una famiglia che gli darà tutto l’amore che merita. È sopravvissuto a una esperienza traumatica, ma lui ha carattere e avrà una vita felice”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO