Donna si mostra dopo un devastante tumore al volto

(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)

Una donna polacca che è stata sfigurato da un tumore facciale enorme ha svelato come appare il suo viso ora in una apposita conferenza stampa. Questa persona, identificata solo come Joanna, ha subito il secondo trapianto facciale di sempre in Polonia dopo che la neurofibromatosi – una condizione genetica che causa tumori benigni – l’ha lasciata incapace di masticare, parlare o deglutire. Joanna è apparsa in una conferenza stampa quasi tre anni dopo il trapianto, apparendo molto bene con solo alcune cicatrici sulla fronte e sul collo. Il dottor Adam Maciejewski, che ha eseguito l’intervento chirurgico sia su Joanna che dell’unico altro trapianto facciale, ha trascorso 23 ore nella difficile operazione. Si trattava di un trapianto dell’80% della pelle sul viso e che le ha restituito la capacità di masticare, parlare ed ingoiare. La neurofibromatosi provoca tumori benigni lungo i nervi e può anche causare problemi alle ossa, pressione delle stesse sui nervi spinali, dolore, difficoltà di apprendimento e problemi di vista e di udito. Non esiste una cura per questa patologia. Molte persone hanno possibilità di ereditare la malattia da uno dei genitori, fino al 50% di possibilità di sviluppare casualmente una mutazione del gene prima di nascere. Nonostante il loro aspetto allarmante, le crescite ed i gonfiori (chiamati neurofibromi e causati da una crescita delle cellule) non sono cancerogene o contagiose. Il tumore del viso non si replicherà in Joanna perché la pelle sul suo nuovo volto proviene da geni diversi, secondo quanto affermato precedentemente dall’esperto di genetica Dr. Anand Saggar al MailOnline. Il dottor Maciejewski ed i suoi colleghi hanno eseguito il primo trapianto di faccia della Polonia su un uomo il cui volto era stato strappato dalla macchina da scalpellino. Il suo recupero sta progredendo bene adesso. L’operazione dell’uomo è durata 27 ore ed è stata effettuata poche settimane dopo il suo incidente. Si è pensato che fosse il primo trapianto di faccia ad essere effettuato subito dopo che si fosse verificato l’incidente, mentre i trapianti precedenti hanno necessitato di mesi o addirittura di anni. L’uomo doveva sottostare alla ricostruzione di mascella, palato ed occhiaie. Il primo trapianto full-face del mondo era stato condotto su un contadino spagnolo nel marzo 2010. Oscar aveva perso la maggior parte del suo volto con una pistola durante un incidente di caccia e dopo è stato di nuovo in grado di respirare, deglutire o parlare correttamente.

S.L.

(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)
(Websource/dailymail.co.uk)