Papà ubriaco se la prende coi bimbi di 2 e 4 anni

(Websource/archivio)
(Websource/archivio)

Incredibile ed indecente quello che è accaduto ieri sera intorno alle 18, a due passi dal quartiere Aventino a Roma. Alcuni vigili in servizio in quella zona si sono accorti di qualcosa che non andava nel comportamento di un uomo che stava maltrattando i suoi due figli di 2 e 4 anni. Gli agenti stavano passando in auto e casualmente sono riusciti a cogliere il momento in cui uno dei piccolini veniva colpito violentemente dall’uomo e cadeva rovinosamente a terra. A quel punto mentre il papà scappava i vigili si avvicinavano al piccolo in lacrime che presentava un evidente ematoma sul volto. Vicino a lui c’era uno zainetto aperto con il contenuto sparso in terra, e lì vicino un altro bimbo di circa 2 anni, addormentato su una panchina. A quel punto mentre quella pattuglia si prendeva cura dei due piccolini, altre squadre di vigili si mettevano alla ricerca dell’uomo e lo trovavano a poche centinaia di metri dal parco in palese stato di ubriachezza. L’uomo, italiano nato nel 1981 con precedenti penali, ha confessato di essere il padre dei due bambini maltrattati e ha sostenuto di non aver abbandonato i figli in quel parco ma di essersi solamente allontanato per cercare una sigaretta. Il suo racconto lacunoso e condito da parecchie frasi sconnesse visto l’alto tasso alcolico non ha per niente convinto gli agenti che lo hanno fermato e trasportato al comando. Così, mentre i bambini venivano portati in ospedale e visitati da un pediatra che confermava i segni di maltrattamenti, il giudice disponeva per l’uomo l’arresto per il reato di abbandono di minore e l’affidamento dei due bambini al nonno paterno. La madre infatti, italiana classe 1992, è stata rintracciata ed è risultata anch’essa pregiudicata, in attesa di giudizio per reato di spaccio di stupefacenti.

F.B.