Bimba bussa alla porta per Halloween, ma ha una terribile sorpresa

483702_979319_canen2918_15940895_display

Incredibile tragedia ad Halloween, andata in scena a L’Aquila ieri. La tradizione vuole che i bambini vadano casa per casa, per un porta a porta denominato ‘dolcetto o scherzetto’. E così, anche una bambina di 6 anni, ha fatto lo stesso nella serata di ieri. Peccato, però, che dietro una di quelle porte in cui ha bussato, la piccola, insieme anche ad un altro bimbo, ha visto in pratica la morte in faccia. I due, per miracolo, sono sfuggiti all’attacco di un rottweiler che si trovava in una delle case in cui i piccoli hanno bussato. Secondo una prima ricostruzione dell’incidente effettuata dagli agenti del Corpo di polizia municipale i due fratellini, la piccola di 6 anni e l’altro di 7, stavano facendo un giro delle case circostanti alla loro, proprio per non destare la preoccupazione dei genitori. Appena arrivati sul pianerottolo dove una famiglia aveva in casa il cane, i due hanno suonato il campanello. Nemmeno il tempo di aprire la porta ed ecco che il grosso rottweiler ha aggredito la bimba. Per fortuna un vicino, sentite le urla della piccola, è subito intervenuto, prendendo un coltello e colpendo immediatamente il cane che solo così ha mollato la presa. Il tutto è accaduto sul pianerottolo del condominio, con il lago di sangue che si era formato in terra insieme alle ciocche dei capelli della bimba. Alla fine è rimasto ferito anche il vicino di casa 66enne, intervenuto per aiutare la bambina. I due feriti sono stati subito trasferiti dai medici del 118 al Pronto soccorso per le cure del caso, con la minore che è stata trasferita d’urgenza in sala operatoria. Per fortuna, però, non è in pericolo di vita. Sul luogo della tragedia sfiorata è arrivato il servizio veterinario della Asl per portare via il cane agonizzante, morto dopo poco. Per il proprietario del cane è scontata la segnalazione d’ufficio alla Procura della Repubblica per lesioni gravi e omessa custodia per il proprietario del cane. E di soli due giorni fa la notizia di un’altra persona azzannato da alcuni rottweiler che vivevano nello stesso giardino dove abitava l’uomo, in condivisione col cognato.

M.O.