Follia al seggio: finisce in un pestaggio

A Carabiniere military police officer stands outside a polling station as Italians vote for European parliamentary elections in Rome on May 25, 2014. Europeans vote for a new EU parliament, the final day of a massive four-day election expected to give eurosceptics a boost. AFP PHOTO/ Filippo MONTEFORTE (Photo credit should read FILIPPO MONTEFORTE/AFP/Getty Images)
(FILIPPO MONTEFORTE/Getty Images)

Dire che la domenica del Referendum sia stata movimentata sarebbe riduttivo. Lo conferma la notizia, giunta poco fa, di un “pestaggio” messo in atto da un scrutatore ai danni di due anziane. L’uomo avrebbe dato in escandescenza durante le operazioni di voto, accusando le signore di averlo maltrattato da piccolo. Il “fattaccio” si sarebbe svolto nel seggio di Sesto San Giovanni (Milano), dove le due malcapitate si erano recate per esprimere il loro voto sul Referendum costituzionale.

Secondo quanto riferiscono i colleghi del Giorno, le due signore hanno tranquillamente votato e sono poi uscite dalla scuola di Marzabotto di Sesto. A quel punto, però, uno degli scrutatori le avrebbe rincorse minacciosamente, e di fronte alla scuola e alle forze di Polizia le avrebbe aggredite prima verbalmente e poi fisicamente. L’uomo, di 40 anni, le avrebbe quindi insultate e pestate per alcuni secondi, prima di essere fermato dagli agenti di presidio al seggio. Stando a una prima ricostruzione, una delle due anziane signore aveva una vaga somiglianza con una donna da cui l’uomo sarebbe stato aggredito quando era piccolo. Il Nostro ha quini pensato bene di rovinare la sua mattinata elettorale e quella delle due signore per consumare la vendetta che aveva tanto atteso. A seguito dell'”incidente” il presidente del seggio ha chiesto e ottenuto che il turbolento scrutatore fosse rimosso e sostituito.

EDS