Incredibile! A Natale siamo tutti più buoni…a sparare!

(Websource/metro.co.uk)

Un adolescente americano ha ucciso un cervo che si era perso ed era rimasto intrappolato nel suo albero di Natale. Ryan Manchester, 17 anni, ha raccontato di avere in principio chiamato il 911, ma che i soccorsi a suo modo di vedere tardavano ad arrivare. Quindici minuti il tempo di attesa – “Un po’ troppo per me” – e la decisione: Ryan ha soppresso l’animale sparandogli ad una spalla ed in testa. “Ho spiegato al numero di emergenza ciò che stava accadendo e davvero sembravano non ritenere la questione urgente” – ha raccontato il ragazzo, di nome Frederick, al News Post, principale giornale del Maryland. E così il giovane giustifica quanto fatto: “Non credo che dall’altra parte del telefono avessero idea di quanti danni stesse facendo l’animale, così ho chiesto loro il permesso di sparare. Non mi hanno detto di farlo…ma neanche di non farlo, quindi ho agito di conseguenza”.

La magia del Natale?

Dopo aver ucciso il cervo, Ryan ha postato su Twitter una foto che lo ritrae, col pollice alto in segno di vittoria, in compagnia dell’animale ormai morto. Dalle foto si evince anche che il giovane si è imbrattato le mani ed il volto con il sangue del cervo, scatenando le reazioni più o meno ironiche degli altri utenti. “Avresti potuto aprire la porta di casa e farlo uscire”, “Quella è una delle renne di Babbo Natale, sei nella m***a”, hanno postato diversi internauti in risposta alle foto di Ryan. L’adolescente ha spiegato di essersi accorto della presenza del cervo quando ha sentito un forte rumore proveniente dal piano di sotto. Prima di eliminare il mammifero, Ryan lo ha filmato mentre si aggirava confusamente per l’abitazione, finendo per rimanere incastrato nell’albero di Natale. Poi lo ha avvicinato e gli ha sparato. Interrogato sui possibili sensi di colpa derivati dall’aver ucciso l’animale, Ryan non ha mostrato alcuna pietà: “Ha causato un sacco di danni”.

C.C.

(Websource/metro.co.uk)
(Websource/metro.co.uk)

 
TUTTE LE NEWS DI OGGI