Tra le macerie di Amatrice, si consuma il dramma di un pompiere

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:57
(ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

Drammatico incidente per un vigile del fuoco che stava operando ad Amatrice, drammaticamente colpita dal terremoto del 24 agosto. I fatti sono successi nella frazione di Castel Trione. Il vigile, un 35enne di Avellino, avrebbe preso una forte scossa elettrica, mentre operava sul territorio distrutto dal sisma, Il pompiere, secondo quanto si apprende, avrebbe toccato un cavo dell’alta tensione dell’Enel e ha immediatamente perso i sensi. Sul posto è giunto, una volta lanciato l’allarme, il personale del Suem 118, che ha stabilizzato il vigile del fuoco e poi lo ha trasportato in eliambulanza a Roma, dove ora si trova ricoverato in condizioni molto gravi.

Da tempo i vigili del fuoco denunciano condizioni di lavoro precarie e poco sicure. Qualche mese fa, il sindacalista USB Antonio Jiritano aveva denunciato: “Si apre in questi giorni il confronto del Governo con le solite parti sociali in merito al riconoscimento di lavori usuranti e, come al solito, i Vigili del Fuoco vengono esclusi”. Erano i giorni in cui l’allora premier Matteo Renzi si faceva immortalare coi pompieri ad Amatrice, ma ai selfie non sono mai seguiti i fatti, spiegava il sindacalista: “Bel ringraziamento per il prezioso lavoro svolto dal Corpo Nazionale, se Renzi non ha capito che la nostra non solo è una categoria usurante, ma particolarmente e altamente usurante, glielo spieghiamo noi”.

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM