Ambra Angiolini e Gianni Boncompagni (foto dal web)

“Se n’è andato il giorno di Pasqua… è stato un genio anche nel salutarci. Grazie da una ragazzina normale che tu hai fatto in modo che crescesse con il coraggio di essere diversa da tutto, nel bene e nel male. Sei ovunque”, queste le parole con cui su Instagram Ambra Angiolini ha ricordato Gianni Boncompagni, noto autore televisivo scomparso oggi a 84 anni. La showgirl, insieme a tante altre ragazze divenute celebri tra i teenager di quella generazione, venne lanciata da Gianni Boncompagni nella trasmissione ‘Non è la Rai’.

Il programma televisivo è andato in onda dal 9 settembre 1991 al 30 giugno 1995 per quattro edizioni. La prima edizione del programma è stata condotta da Enrica Bonaccorti, la seconda da Paolo Bonolis e le ultime due da Ambra Angiolini, all’epoca ancora minorenne. In quegli anni, la ragazza esordì anche come cantante con l’album ‘T’appartengo’, che in seguito viene tradotto in lingua spagnola e pubblicato anche in Spagna e Sud America, vendendo 370mila copie solo in Italia e divenendo uno dei tormentoni del 1994. Successivamente, grazie anche a Ferzan Ozpetek, Ambra Angiolini è divenuta una delle attrici più amate dal grande pubblico.

Tante polemiche creò una frase che Ambra Angiolini pronunciò nel corso del programma, sostenendo che “il Padreterno sta con Forza Italia, il diavolo con Occhetto”. La showgirl ha sostenuto che proprio fu proprio l’autore televisivo a suggerirgliela: “Tutto ciò che viene detto in trasmissione è concordato con gli autori (il cui responsabile è Boncompagni)” – disse nel 1994 – “Poi aggiungo qualcosa di mio, ci gioco sopra. Come è avvenuto in questo caso. A me non interessava nulla di Berlusconi, né di Occhetto. Né tuttora mi interessa. E poi in puntate precedenti avevo detto che Satana teneva per Berlusconi e quindi anche lui era un dannato. Abbiamo mischiato le cose mille volte”.

Ambra parla delle elezioni del 1994

GM