I pesci più brutti del mondo – FOTOGALLERY

Uno scienziato russo è diventato una star del web per aver condiviso le foto delle creature più bizzarre – e brutte, c’è da dirlo – trovate sott’acqua. Roman Fedortsov, l’esploratore, ha condiviso moltissime foto che ritraggono le strane creature che trova durante le sue spedizioni. Centinaia di utenti competono poi per identificare questi esseri inquietanti. Fedortsov, originario di Murmansk, una città della Russia nord-occidentale, ha detto che il padre e il nonno erano pescatori e che cercare i pesci è quindi una cosa di famiglia. Lavora a intervalli di 3 mesi, in cui effettua spedizioni navigando in giro per il mondo – dalle calde acque africane all’oceano Atlantico. Parlando delle sue foto afferma: “Le persone credono che ogni volta che tiriamo su una rete, è piena di pesci straordinari. In realtà non è così, succede raramente”. Detto questo, ammette, “Penso che tutti i pesci siano belli a modo loro. Non posso dire che alcuni siano brutti o mostruosi”. La maggior parte dei pesci pericolosi vivono nelle acque meridionali o nell’oceano Atlantico, “non c’è nulla nei mari del Nord”, spiega lo scienziato. La maggior parte delle creature vivono “nell’oceano grigio”, noto con il nome di Mesopelagica, lo strato intermedio dell’oceano che si estende dai 200 ai 1000 metri sotto la superficie. Sotto la Mesopelagica c’è la zona Batipelagica, compresa tra i 1000 e i 4000 metri, in cui la luce del sole non riesce a penetrare per cui è perennemente buio e non è possibile l’attività fotosintetica. Questa è la zona in cui lo scienziato effettua le sue scoperte ed è il motivo per cui i pesci delle foto spesso non hanno occhi e hanno una colorazione scarsa o nulla.

Lavinia C.

Tutte le News di Oggi – VIDEO