Sbattuto contro un muro a due anni dal suo babysitter – FOTO

Il piccolo Gia Faye (foto dal web)

Gia Faye, due anni, ha subito danni al cervello dopo che il suo babysitter adolescente lo ha sbattuto con la testa contro un muro, come punizione per aver rubato dei dolci, dice la polizia. Il piccolo è stato presumibilmente picchiato dal suo babysitter di 16 anni a Brownsville, California, giovedì pomeriggio. L’adolescente, che è conosciuto dalla famiglia, ha detto che il bimbo stava giocando quando avrebbe dovuto dormire e poi avrebbe rubato un dolce dopo averlo tolto a lui. Ha spiegato alle forze dell’ordine di aver solo rimproverato Gia Faye, poi però “ha confessato di averlo sbattuto contro il muro”.

Secondo un sito di informazione locale, all’arrivo dei soccorritori, il piccolo era privo di sensi e quindi, a causa della botta in testa, aveva bisogno di un intervento di chirurgia cerebrale di emergenza, operazione durata tre ore. Nel corso dell’operazione, i medici hanno dovuto rimuovere un coagulo di sangue e metà del cranio. Il babysitter è stato arrestato per sospetto di abuso di minori e viene tenuta in un centro di detenzione per minori. Oltre a Gia Faye, badava anche agli altri tre figli della coppia, di età massima di cinque anni. Jessica Lamar, la mamma di Gia, ha detto di aver conosciuto l’adolescente quattro anni fa. Il ragazzo sarebbe stato accolto dalla famiglia dopo che la sua lo aveva cacciato via. La donna lo ha perdonato, spiegando che è un ragazzo e può aver commesso un errore, intanto ha creato una pagina GoFundMe per “contribuire alle cure di Gia”.

GUARDA FOTO

TUTTE LE NEWS DI OGGI – VIDEO

GM