websource: cbcnews

Jaclyn Mclaren, trentottenne professoressa dell’Ontario (Canada), è stata scoperta a tradire il marito con tre studenti minorenni ed in seguito condannata a due anni di carcere. La donna intratteneva relazioni social con tutti gli studenti, una pratica che il Preside della scuola in cui insegnava le aveva consigliato di evitare, ma nessuno immaginava che i contatti le servivano per mandare foto osé agli alunni e per ricevere in cambio foto hard dei minori.

Il gioco perverso della professoressa è stato scoperto da una madre insospettita dall’interesse eccessivo che la donna mostrava per il figlio. Facendo una ricerca sul computer del ragazzo la madre ha trovato delle foto in cui la Mclaren era completamente nuda ed ha sporto denuncia nei suoi confronti. La polizia canadese ha allora aperto un fascicolo su di lei e sequestrato il suo computer, dalle indagini è risultato che la professoressa aveva mandato simili foto ad 8 dei suoi ex studenti e che con tre di essi aveva avuto un rapporto sessuale.

Stando a quanto riferito dall’avvocato dell’accusa durante il processo, il primo episodio di violenza sessuale su minore si è verificato nel 2014: la professoressa si è incontrata con due suoi ex studenti di sera, ha comprato dell’alcol e poi li ha invitati a consumarlo insieme sul sedile posteriore della sua auto. Una volta dentro il veicolo la donna ha praticato sesso orale ad entrambi ed avuto un rapporto a tre completo (la polizia ha trovato tracce del dna dei ragazzi nell’auto della donna).

Il secondo episodio si è verificato nel 2015 con un ragazzo che aveva compiuto da poco 18 anni, ma adescato su internet quando questo era minorenne. Le prove di colpevolezza della Mclaren erano schiaccianti, così, il giudice si è visto costretto a condannarla a 2 anni di carcere e ad iscriverla permanentemente nel registro dei criminali sessuali. Alla professoressa è stato inoltre impedito di avere qualsiasi rapporto con le vittime e di poter entrare in un parco o in un luogo frequentato da bambini per 10 anni a partire dalla scarcerazione.

F.S.