Stuprata a 7 anni dal patrigno con il “consenso” della mamma

(Websource / FarrahGray.com)

Ha assistito senza muovere un dito allo stupro di sua figlia, una bimba di soli 7 anni, da parte del proprio “fidanzato”. Lo stesso che ha organizzato e “animato” vere e proprie orge sotto gli occhi – allibiti – della piccola nella loro casa di Overfield Township, in Pennsylvania (Usa). E che le mostrava foto e video porno sul suo smartphone (alcuni dei quali con protagonisti lui stesso e la sua mamma). Gli abusi sono andati avanti per oltre un anno. Marion Keithline, 50 anni, ne era perfettamente a conoscenza: era stata la figlioletta a raccontarle delle violenze del “mostro”. Ma non ha mai denunciato i fatti alle autorità competenti.

La drammatica verità è emersa nel corso del processo che vede imputati i due in tribunale. Eric Popejoy, 47 anni, era stato accusato e incriminato già in passato di abusi sessuali. Lo scorso febbraio è stato nuovamente arrestato, e il prossimo 2 giugno dovrà comparire dinanzi alla Wyoming County Court per una nuova udienza. Keithline, che l’aveva conosciuto nel 2015 in Florida attraverso il sito DateHookUp, era così infatuata da passare sopra a tutto… Ora dovrà rispondere a sua volta dell’accusa di corruzione di minore e falsa testimonianza (avendo tra l’altro accusato un terzo estraneo alla vicenda), e martedì prossimo sarà interrogata dal giudice. Quanto alla piccola, al momento è affidata ai servizi sociali e sta faticosamente cercando di superare i traumi subìti.

TUTTE LE NEWS DI OGGI

EDS